• HIDROBIKE

    HIDROBIKE

    Non sapete nuotare e avete il terrore di entrare in una piscina? Non c’è problema, potete sempre propendere per un compromesso accettabile, ovvero ‪#‎hidrobike‬ che prevede l’immersione di una bicicletta in piscina e un lavoro aerobico simile a quello effettuato con lo spinning, ma con l’acqua che arriva più o meno all’altezza del petto.

    Hidrobike si pratica su una speciale bicicletta di acciaio inox o in plastica , fissata al fondo della piscina con delle ventose.

    È un allenamento sicuro e si usa anche come allenamento riabilitativo: con il movimento in acqua non si sollecitano articolazioni e colonna vertebrale, e si compie uno sforzo mantenendo basso il ritmo delle pulsazioni del cuore.

    Grazie a questo esercizio, la vostra circolazione migliorerà sensibilmente, ma i vantaggi riguarderanno anche la ritenzione idrica e la cellulite. Hidrobike può rappresentare peraltro un valido strumento di riabilitazione e di fisioterapia.

    I corsi di hidrobike sono molto divertenti e ricreativi; come tutte le attività fisiche, permettono il rilascio di endorfine, sostanze secrete dal nostro cervello, in grado di influenzare positivamente il nostro umore.

    Una lezione di hidrobike dura generalmente 45 minuti, in cui si pedala continuamente, con intensità variabile anche in base al grado di allenamento del singolo. Si passa dalla pedalata RUSCELLO, nella quale si pedala seduti, alla pedalata RISALITA DEL FIUME, dove si alterna posizione seduta e in piedi; nella pedalata onde, si alterna la posizione seduta e quella in piedi, mentre nella posizione controcorrente si pedala nel verso opposto e infine nella rapida si passa da una pedalata lenta a una veloce.

    Praticando l’allenamento in modo costante c’è un miglioramento ed un aumento della resistenza aerobica; si verifica un vero e proprio massaggio idrico e i relativi vantaggi del contatto con l’acqua. Non è un caso che la bici da #hidrobike sia un valido strumento nella riabilitazione.

    La tonificazione dei muscoli è il beneficio principale dell’hidrobike: la resistenza dell’acqua durante l’esercizio permette il rassodamento dei muscoli e, con un allenamento costante, il corpo apparirà più asciutto ed affusolato, grazie all’allungamento dei muscoli stessi. Non solo gambe e glutei appariranno sodi e scolpiti, ma anche braccia, addome, addome e muscoli dorsali. Infine è importante sottolineare che il movimento dell’acqua sul corpo ha un gradevole ed utilissimo effetto idromassaggio, come nell’acquagym.

    La pratica dell’#hidrobike è l’ideale per chi presenta problemi di sovrappeso e di ritenzione idrica: è un’ attività fisica di tipo aerobico quindi permette un buon consumo di calorie. Inoltre, un buon allenamento agisce positivamente sul sistema cardio-vascolare rinforzando il cuore, la resistenza alla fatica e migliorando la circolazione.

    Nell’hidrobike il movimento classico della pedalata viene rinforzato grazie alla resistenza dell’acqua, che massaggia i muscoli e moltiplica lo sforzo muscolare.

    Come risultato abbiamo un dimagrimento generale grazie all’attività aerobica, un potenziamento muscolare di glutei e gambe, una bella sferzata contro la cellulite e un miglioramento del sistema cardiovascolare. E ben 1350 calorie consumate in un’ora!

    Vediamo i benefici aggiuntivi dati dall’acqua: si compie uno sforzo mantenendo basso il livello delle pulsazioni del cuore (la frequenza cardiaca si riduce del 10% rispetto a quanto avviene fuori dall’acqua), non si pesa sulla colonna e non si agisce con troppa violenza sulle articolazioni. C’è un maggior consumo di energie (per 1 ora di bicicletta fuori dall’acqua circa 700 Kcal; nell’acqua circa 1350 Kcal).

    I VANTAGGI dell’hidrobike :

    – si compie uno sforzo mantenendo basso il livello delle pulsazioni del cuore (la frequenza cardiaca si riduce del 10% rispetto a quanto avviene fuori dall’acqua).

    – non si sollecitano le articolazioni e non si pesa sulla colonna vertebrale;

    – maggior consumo di energie (per 1 ora di bicicletta fuori dall’acqua circa 700 Kcal; nell’acqua circa 1350 Kcal)

    – miglioramento e aumento della resistenza aerobica;

    – massaggio idrico e i relativi vantaggi del contatto con l’acqua;

    – valido attrezzo riabilitativo.

    Previo autorizzazione di un medico ortopedico, l’hidrobike è spesso impiegata come terapia riabilitativa per il recupero di persone che hanno subito infortuni od operazioni alle articolazioni: grazie al movimento in acqua e quindi all’ assenza di gravità, le ginocchia sono meno sollecitate durante lo sforzo muscolare.

    Un beneficio evidente per chi avrebbe bisogno di allenarsi, ma fa fatica a farlo a causa di patologie come l’artrite o l’obesità che ne riducono le capacità fisiche e atletiche. L’hidrobike, in questi casi, consente di effettuare sessioni aerobiche alleggerendo il peso che grava su ossa e articolazioni.

    In pratica, nessuna controindicazione all’hidrobike e tanti vantaggi sul fisico!

     

    Silvia De Pompeis

    SILVIA_PISCINA

     

    FacebookTwitterGoogle+PinterestShare
Palestra Piramide